Scopri -Go! Mongolia-

Incastonata tra Russia e Cina, splendente come uno smeraldo, fredda come ghiaccio, bella come solo gli estremi sanno esserlo, la Mongolia si distende sotto le ruote lungo piste che tagliano il mare d’erba o strade che salgono sul bordo dei crateri estinti. Vestigia di civiltà antichissime, di religioni osteggiate e rifiorite; testimone muta dello scorrere del tempo, dove tutto rimane immutato da millenni e le azioni seguono il corso delle stagioni. Facce bruciate dal sole e indurite dalla neve; sorrisi timidi e cavalli al galoppo. Campi di yurte bianche che si stagliano nel verde dell’Arkhangai o si specchiano nelle acque del Tserkhin Tsagaar Nuur.

Tutto questo e molto altro ancora è il Go! Mongolia, l’avventura più incredibile, più grandiosa, più stupefacente dei Leones. L’estate 2018 si colora di verde.

Cos’è

Il Go! Mongolia è un’avventura pazzesca su strade strabilianti in sella ad una piccola moto giapponese o alla guida di un fuoristrada!!!

Dove si corre

Nela parte centrale e occidentale della Mongolia; dalla pazzesca Ulan Bator a Karakhorum, la capitale di Gengis Khan, con in mezzo lo splendido parco naturale di Hustai, e poi il vulcano Khorgo, patrimonio dell’Unesco, e la Via Della Seta del nord, nascosta tra gli altopiani e il Deserto del Gobi, fino alle strabilianti acque termali di Tsenkher…una natura maestosa e strabiliante!

Quando si corre

L’edizione 2018 del Go! Mongolia si terrà dal 25 luglio all’8 agosto

Con cosa si corre

Con le inossidabili Mustang Shineray 150 (VEDI) oppure comodamente seduti in una fiammante Land Rover 4×4, insieme al responsabile della logistica

Quanto costa

La quota di partecipazione al Go! Mongolia è di 2250 euro per il pilota e di 1950 euro per il passeggero. Per il posto auto, ivece, il costo è di 2150 euro e comprende:

  • Volo a/r Roma (o Milano) / Ulan Bator
  • Transfer da / per l’aeroporto
  • Uso della moto per l’intera durata dell’evento (o posto in fuoristrada)
  • Pernottamento in hotel di categoria media in camera doppia – solo per Ulan Bator (per la camera singola è previsto un supplemento) e in campi di yurte o gher (capienza da 2 a 4 persone)
  • Cena di benvenuto del 24 luglio e cena dell’arrivederci dell’8 agosto presso ristorante tipico

La quota invece NON comprende

  • l’assicurazione di viaggio – obbligatoria (ci si può aggregare alla polizza che stipula l’associazione al prezzo indicativo di 100 euro / partecipante – dipende dalle condizioni delle compagnie, che varia di anno in anno)
  • carburante (per i partecipanti in auto il costo del carburante verrà diviso tra gli occupanti la vettura)
  • eventuali multe o sanzioni
  • eventuali pedaggi autostradali
  • ingresso ai monumenti
  • tutto quello non compreso in “la quota comprende”

 

Le iscrizioni

Per iscriversi al Go! Mongolia dovrai metterti in contatto con Hic Sunt Leones, andando sulla pagina dedicata ai contatti (qui) oppure direttamente al sito dell’associazione (qui). Le iscrizioni terminano IMPROROGABILMENTE 50 giorni prima della partenza. Puoi anche telefonare al 3888421439; fallo senza indugio, non disturbi!

Pagamenti

La quota di partecipazione all’evento dovrà essere versata con tre bonifici separati; uno al momento dell’iscrizione, pari al 30% del costo totale, uno pari al 40 % al momento della firma del contratto e il restante 30% al momento del briefing pre partenza che avverrà circa un mese prima del giorno x in luogo da definire, tendenzialmente presso la sede dell’associazione, sita in provincia di Firenze. Chi non può partecipare al briefing riceverà per posta raccomandata il contratto da firmare e sarà sua cura rispedire la copia per l’associazione con le stesse modalità. Il saldo avverrà comunque contestualmente al briefing pre partenza tramite bonifico bancario.

Logistica e varie
  • Abbigliamento – leggero con scarpe comode per girare a piedi o in città; adatto ad un clima come quello primaverile Italiano per la guida. Consigliato portare tuta antipioggia. Le temperature possono variare da 14 a 30 gradi, e non è insolito trovare anche giornate particolarmente fredde o particolarmente calde
  • Benzina – la voce che più influisce sulle finanze; costa circa 80 centesimi al litro
  • Strade – tutte in discrete condizioni, circa il 70% delle strade che percorreremo sono piste; possibilità di dover fare fuoristrada di media difficoltà o di difficoltà alta (solo per piccoli tratti); presenza di numerosi guadi generalmente poco profondi.
  • La gente – semplicemente fantastica. Se partirete con un po’ di pregiudizi dovrete ricredervi in poco tempo. Troverete un popolo simpatico, francamente curioso, disponibile al colloquio e gioviale. Capiterà spessissimo di essere coinvolti in dialoghi surreali, con il mongolo che parla inglese con un accento incomprensibile, e l’italiano che tenta di rispondere e farsi capire esclusivamente aumentando il volume della voce.
Note importanti

Il Go! Mongolia non è una vacanza in un villaggio turistico; non è neanche un viaggio a cinque stelle. E’, invece, proprio quello che sembra: un’avventura a 180 gradi.

E’ per questo che saremo accompagnati da un mezzo d’appoggio guidato da un locale. Questo ci servirà per orientarci negli spazi sconfinati, ma soprattutto per portare il voluminoso bagaglio che ognuno di noi dovrà portare e l’altrettanto voluminoso bagaglio che il gruppo avrà a disposizione e che comprende cucina da campo, batteria da cucina, scorte alimentari, acqua, benzina. Perchè? Perchè non avremo sempre la cena garantita quando saremo ospiti dei capi di gher dei nomadi mongoli, quindi cucineremo la cena da soli

L’adattabilità e la resilienza saranno le nostre parole d’ordine, e, come spesso accade, l’avventura sarà a scapito della comodità. Non per questo dovremmo vivere i giorni che ci aspettano come profughi; avremmo il nostro cibo e il nostro letto, e entrambi saranno in un contesto naturale da favola!

Accompagnatore per questa edizione:

Jacopo Brazzini (vedi)

Highlights
  • Ulan Bator
  • Karakhorum
  • Hustai National Park
  • Tsenkher
  • Khorgo
  • Orkhon Valley
  • Terkhiin Tsagaan
Programma provvisorio
  • Giorno 1 – partenza da Milano (o Roma, a discrezione dell’Associazione o su richiesta e con supplemento da concordare)
  • Giorno 2 – arrivo a Ulan Bator e sistemazione in Hotel – serata libera
  • Giorno 3 – Ulan Bator / Hustai National Park – Km. 100 (50% asfalto; 50% pista)
  • Giorno 4 – Hustai / Dasincilien – Km. 150 (pista)
  • Giorno 5 – Dasincilien / Ogii Nuur – Km. 120 (pista)
  • Giorno 6 – Ogii Nuur / Ikh Tamir – Km. 170 (30% asfalto; 70% pista)
  • Giorno 7 – Ikh Tamir / Terkhiin Tsagaan – Km 140 (20% asfalto; 80% pista)
  • Giorno 8 – Day Off a Terkhiin Tsagaan con visita al vulcano Khorgo (uscita a cavallo nel parco naturale)
  • Giorno 9 – Terkhiin Tsagaan / Tsenkher – Km 180 (20% asfalto; 80% pista)
  • Giorno 10 – Tsenkheer / Orkhon Valley – Km 210 (40% asfalto; 60% pista)
  • Giorno 11 – Day Off al Parco Naturale della Orkhon Valley (visita del parco a cavallo)
  • Giorno 12 – Orkhon Valley / Karakhorum – Km 120 (pista)
  • Giorno 13 – Karakhorum / Khogno Khan – Km 110 (pista)
  • Giorno 14 – Khogno Khan / Ulan Bator – Km 110 (asfalto) – restituzione delle moto e dei fuoristrada
  • Giorno 15 – Ulan Bator
  • Giorno 16 – partenza per l’Italia